Tag Archive: Luca De Antonis


Sali d'argento - Tina ModottiSali d’argento – Lo straordinario viaggio di Tina Modotti ovvero quasi 500 pagine di pura passione. La passione che ha spinto l’autore, Luca De Antonis, a romanzare la vita di questa donna letteralmente “fuori dall’ordinario” (una vita che comunque già di per sé ha avuto tanti elementi romanzeschi) e la passione con cui la protagonista ha vissuto dal primo all’ultimo giorno.

Non sapevo nulla di lei prima dell’uscita di questo libro (divorato in due settimane!) e ho scoperto un personaggio estremamente affascinante ed unico, una donna libera, indipendente, determinata, curiosa, che è passata da un lavoro all’altro, da un Paese all’altro e da un continente all’altro ricominciando da capo mille volte, in un periodo storico in cui l’emancipazione femminile era ancora un concetto molto distante e in cui essere una donna di questo tipo era indubbiamente più difficile di oggi (non che ai giorni nostri sia una passeggiata, ma questa è un’altra faccenda che merita un discorso a parte).

Operaia in una filanda, attrice, modella e poi a sua volta fotografa – mestiere con cui raggiunse la fama internazionale e a cui infatti si riferisce il titolo del romanzo – e infine militante comunista. Dal natio Friuli si spostò in Austria, Stati Uniti, Messico, Germania, Russia, Francia, Spagna per poi tornare nuovamente in Messico, dove morì a soli 45 anni. Nel suo continuo peregrinare conobbe personaggi altrettanto straordinari, fra i quali Frida Kahlo e Diego Rivera, e visse da protagonista alcuni degli eventi che hanno fatto la storia del XX secolo come per esempio la Guerra Civile Spagnola, dove fu impegnata a soccorrere le vittime del conflitto come membro del Soccorso Rosso Internazionale al fianco delle milizie repubblicane.

«Una vita, quella di Tina Modotti, che è stata analizzata in varie biografie, le quali talvolta si fermano ai limiti della leggenda nella quale sembra essersi avviata, e talora li oltrepassano, per rappresentare una figura estrema ed estremista, la cui dedizione ad una causa politica ne condizionava completamente l’esistenza, trasformandola in una sorta di suora laica oppure all’opposto, in una spia che perseguiva fini occulti. L’autore ha scelto di narrare la sua storia nella dimensione del romanzo, proprio con l’intento di restituirle, su questo terreno, quell’umanità che la storiografia ha spesso alterato o negato. Questa è, innanzitutto, la storia di una donna.», si legge nel risvolto di copertina.

E, come accade nei lavori di Luca De Antonis, la storia del singolo diventa occasione per raccontare anche la Storia in un modo coinvolgente e appassionante, come difficilmente succede fra i banchi di scuola. A tal proposito ho trovato molto interessante le numerose pagine dedicate proprio alla Guerra Civile Spagnola, narrata con dovizia di particolari anche per quanto riguarda le divisioni interne ai comunisti.

Come già nel caso di Miele e Kerosene, opera prima di Luca vincitrice di alcuni premi, pubblicata nel 2009 da Paola Caramella Editrice e dedicata a Joséphine Baker, Sali d’argento dimostra di essere frutto di meticolose ricerche degne di un vero e proprio saggio, di una cultura che non ci costruisce solo sui libri ma deriva dalle esperienze della vita nonché di creatività e di una profonda sensibilità nei confronti dell’animo femminile.

De Antonis, che lavora per la Regione Piemonte come tecnico esperto per la sistemazione territoriale e ambientale, nel 2011 ha inoltre scritto Donne con le ali, romanzo a sfondo storico riguardante le vite avventurose delle principali pioniere dell’aeronautica civile dall’inizio del Novecento agli anni Trenta. Devo ancora leggerlo, ma sicuramente non mi deluderà.

 

Sali d’argento – Lo straordinario viaggio di Tina Modotti
di Luca De Antonis
Rayuela Edizioni, 2014

 

Clarissa Egle Mambrini

Annunci
Joséphine Baker

Joséphine Baker

NOVARA – Joséphine Baker (1906-1975), artista e donna che ha attraversato il secolo scorso lasciando ovunque tracce indelebili del proprio passaggio (si esibì anche a Novara nel 1932 e nel 1969), sarà celebrata mercoledì 10 dicembre, Giornata Mondiale dei Diritti Umani, con uno spettacolo pop multimediale ideato e scritto dall’artista Maria Olivero – che vanta collaborazioni internazionali come cantautrice e musicista – dal titolo Joséphine Baker – Il mio cuore batte ancora, ispirato al libro Miele e Kerosene di Luca De Antonis, romanzo biografico sulla cantante e ballerina frutto di un meticoloso e appassionato lavoro di ricerca (Paola Caramella Editrice, 2009).

Lo spettacolo si terrà alle ore 21.00 all’Auditorium dell’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini in via Rivolta ed è uno dei vari eventi del “TODAY FESTIVAL”, un progetto di spettacoli e cultura, creatività e didattica che valorizza l’ideale relazione tra Musica d’Insieme, Scuola e Città, nella promozione dei Diritti Umani e della Giustizia Sociale.

Amica di Frida Kahlo, la “Venere Nera” – come fu ribattezzata la Baker – fu la musa di maestri della cultura del Novecento come Francis Scott Fitzgerald, Pablo Picasso, Georges Simenon e Christian Dior. Diede scandalo per le sue esibizioni a seno nudo (celebre il suo gonnellino di banane) nella Parigi degli anni ’20; fu un’eroina della Resistenza francese nella Seconda Guerra Mondiale e per questo insignita in Francia della Legione d’Onore; inseguì il sogno della fratellanza universale adottando 12 bambini orfani provenienti da ogni parte del mondo, la “Tribù Arcobaleno”; parlò alla marcia su Washington di Martin Luther King nel 1963.

Emozioni contrastanti, un vissuto controverso, una bilancia mai in equilibrio. La vita di Joséphine Baker corre lungo una strada di grandi successi e grandi fallimenti, grandi amori e grandi perdite. Come il miele e il kerosene, si confrontano gli estremi: America e Francia, razzismo e libertà, povertà e ricchezza, nostalgia e avventura.

Maria Olivero ne ha tratto un lavoro pop multimediale, con musiche originali e canzoni da lei composte e interpretate, su testi di Elena Maro. Uno spettacolo coinvolgente, nel quale la voce di Joséphine sarà rappresentata dal theremin di Giulia Riboli, strumento che evoca atmosfere magiche che attraversano il tempo.

Le fotografie in bianco e nero di Stefano Ceretti, insieme a immagini di repertorio sottolineano i contrasti e fanno da sfondo. Luca De Antonis racconta la vita di Joséphine in sei momenti intercalati dalle sei canzoni originali: Still my heart beatsAnd the ocean in betweenI wanna make itCoin tossingI can flySome (Josie’s prayer).

 

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare l’ASSOCIAZIONE RI-NASCITA al 334.6647702. Biglietti a € 15,00.

 

Bozzetti per la locandina a cura degli studenti della  III B del Liceo Artistico Casorati di Novara

Bozzetti per la locandina a cura degli studenti della III B del Liceo Artistico Casorati di Novara

 

Mercoledì, 10 dicembre 2014 – Ore 21.00
Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini – Via Rivolta, Novara

JOSEPHINE BAKER – IL MIO CUORE BATTE ANCORA
di Maria Olivero, tratto dal romanzo Miele e Kerosene di Luca De Antonis

MARIA OLIVERO – voce, chitarra acustica, tastiere
LUCA DE ANTONIS – Soggetto, narratore
ELENA FERRARI – Voce recitante
GIULIA RIBOLI – Theremin, Kaossilator
ANDREA SPILINGA – Tastiere
ERICA BARUSCO – Backvocals

MULTIMEDIALE a cura di
LUCA DE ANTONIS, MARIA OLIVEROSTEFANO CERETTI

Con la partecipazione straordinaria di
ITALO COLOMBO – Armonica
CAROLINA TONCO – Violino

 

Clarissa Egle Mambrini